Basko e Sogegross richiamano Tartare di Angus per presenza di Listeria. Il lotto è già scaduto!

 

  Info specifiche sul prodotto
Data richiamo:  03/04/2019

Denominazione di vendita:  Tartare di Angus

EAN: 8034049222156

Lotto coinvolto: 031519

Data di Scadenza: 02/04/2019 (prodotto già scaduto)

Fornitore: Laborcarni Srl

Motivo del Richiamo: Presenza di Listeria monocytogenes

Si precisa che il prodotto è stato distribuito nei punti vendita Cash Sogegross dal 15/03/2019 al 29/03/2019

 Gestione prodotto da parte del consumatore

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, si raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto con medesimo LOTTO di appartenenza, di NON CONSUMARLO e DI RICONSEGNARLO AL PUNTO VENDITA PER LA SOSTITUZIONE (portare la fattura)! 



Ci teniamo alla tua Salute!

Dal 1° gennaio 2019, grazie a FoodSafeIT abbiamo segnalato 27 richiami.

Per vedere tutte le notifiche di richiamo clicca qui!

Per visualizzare l’avviso di richiamo ufficiale  pubblicato sul sito della catena Sogegross  clicca qui

 

Continua a Leggere

Odore sgradevole: richiamati a scopo precauzionale due lotti di Acqua minerale San Benedetto da 2 litri

acqua-naturale-san-benedetto-richiamo

Data richiamo: 28/06/2018
Denominazione di vendita:  Acqua minerale San Benedetto 
Lotti coinvolti: A8141R (TMC – termini mino di conservazione: 20/11/2019) e  A8143T (TMC 22/11/2019)

Fornitore: Acqua Minerale San Benedetto Spa
Codice Sogegross: 1126.01
EAN: 80007920
Peso  unità di vendita: bottiglie di PET da 2 litri
Motivo del Richiamo: Odore non caratteristico “sgradevole”
Popolazione interessata: Tutti gli acquirenti


Il richiamo è stato diffuso dalla catena di distribuzione all’ingrosso Sogegross, la quale  precisa che l’acqua richiamata è stata venduta presso i Cash di Casale Monferrato e Lusignano d’Albenga tra il 21/05/2018 e il 27/06/2018

Si precisa che l’Acqua San Benedetto è sicura, il ritiro è stato solo precauzionale e non c’è nessun problema per la salute.  Il fenomeno è di origine naturale ed è stato eliminato.

 Gestione prodotto da parte del consumatore

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, si raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto  medesimi lotti di appartenenza, di restituire le bottiglie per la sostituzione ai punti vendita d’acquisto presentando la fattura!


Di seguito si riporta una nota con alcune importanti precisazioni e approfondimenti da parte del Gruppo San Benedetto:

“L’ACQUA SAN BENEDETTO E’ SICURA. NON CI SONO RISCHI PER LA SALUTE.”

“Scorzè (Ve) 28 Giugno 2018 – Il Gruppo San Benedetto S.p.A., in merito alle segnalazioni ricevute dai consumatori sul problema di cattivo odore riscontrato in alcune bottiglie di Acqua Minerale San Benedetto Fonte Benedicta prodotta a Scorzè (Ve), precisa che :

Tutte le sue fonti

o Sono in regola con la legislazione vigente;

o Sono oggetto di controlli continuativi, giornalieri, effettuati secondo rigidi protocolli interni che confermano la purezza delle acque e l’idoneità al consumo;

o Gli esiti delle analisi che quotidianamente vengono compiute, dalle fonti al prodotto finito, escludono la presenza di contaminanti di qualsiasi genere all’interno dei cicli produttivi di tutti gli stabilimenti San Benedetto.

• In rarissimi casi e solo su alcune bottiglie, si sono riscontrati episodi di “alterazione di odore”;

• Al fine di evitare disagi ai consumatori, ha quindi spontaneamente deciso di ritirare dal mercato i lotti coinvolti;

• Il fenomeno è di origine naturale, non è dannoso per la salute ed è stato eliminato.

Per qualsiasi informazione o approfondimento, i consumatori possono contattare il servizio clienti al numero 800.544.555. Il servizio è attivo fino alle ore 19.”


Per visualizzare l’avviso di richiamo pubblicato sul sito di Sogegross  clicca qui

 Per visualizzare l’articolo pubblicato sul sito dello Sportello dei Diritti clicca qui


Continua a Leggere

Corpi estranei METALLICI in fiocchi di formaggio fresco Jocca. Coinvolti i supermercati Esselunga, COOP, Carrefour, Gros Cidac, Auchan, Crai, Decò, Bennet, Basko,Sigma,Cadoro, Simply, Unicoop Tirreno e SOGEGROSS!

jocca-fiocchi-formaggio-richiamo

 Info specifiche su prodotto

Data richiamo: 11/04/2018
Denominazione di vendita: Latticino in fiocchi a base di formaggio fresco magro (76%) – Latticino in fiocchi senza lattosio a base di formaggio fresco magro (84%) 

Marchio del prodotto: Jocca e Jocca senza lattosio
Lotti coinvolti: TUTTI I LOTTI con le date di scadenza fino al 27/06/2018
venduti nei formati:

  • 2×150 g – EAN 8001590002407
  • 2×175 g – EAN 7622210613455
  • 175 g – EAN 7622210138088
  • Senza lattosio 150 g – EAN 7622210614827

Prodotto da: Mondelez Deutschland Snack Production

Sede dello stabilimento: Deller Weg 3, 29683 Bad Fallingbostel – Germania
Motivo del Richiamo: Possibile presenza di CORPI ESTRANEI METALLICI
Popolazione interessata: tutti gli acquirenti

Si precisa che il richiamo ha coinvolto le seguenti catene : Esselunga, COOP, Carrefour, Gros Cidac, Auchan, Crai, Decò, Bennet, Basko,Sigma,Cadoro, Simply, Unicoop Tirreno e SOGEGROSS.

 Gestione prodotto da parte del consumatore

Mondelez, a scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto con medesimi lotti di appartenenza, di NON consumarlo e contattare al numero verde 800 055200, per chiarire qualunque dubbio e per eventuali RIMBORSI.

 
Di seguito riportiamo un estratto del comunicato effettuato il 12/04/2018 da Mondelez International:

“Mondelez International ha effettuato un richiamo volontario dal mercato dei prodotti JOCCA e JOCCA senza Lattosio come misura precauzionale per la potenziale presenza di corpi estranei metallici nel prodotto.

Non appena l’azienda è venuta a conoscenza di questa situazione, Mondelez International è entrata in contatto con le Autorità italiane competenti per informarle e procedere al richiamo volontario del prodotto come misura precauzionale…”

 


Per visualizzare l’avviso di richiamo pubblicato sul sito del Ministero della Salute clicca qui

 Per visualizzare l’articolo pubblicato sul sito dello Sportello dei Diritti clicca qui


Continua a Leggere