– ATTENZIONE RICHIAMO REVOCATO – gli “Spinaci Millefoglie Bonduelle” sono sicuri! Le analisi di revisione confermano l’ASSENZA di MANDRAGORA

Bonduelle richiama spinaci surgelati per possibile presenza di mandragora

Il Ministero della Salute  – martedì 3 ottobre – aveva segnalato il richiamo alimentare in via precauzionale di alcuni lotti di Spinaci Millefoglie Bonduelle surgelati per presenza di Mandragora (erba velonosa).

A seguito delle analisi di revisione effettuate da parte dell’Agenzia di Tutela della Salute della Città Metropolitana di Milano è stata confermata l’ASSENZA di MANDRAGORA all’interno del prodotto Bonduelle.

Di seguito il comunicato riportato sul sito ufficiale di Bonduelle:

Milano, 9 ottobre 2017 – Gli esiti delle analisi effettuate dall’ATS Milano sui lotti di Spinaci Millefoglie Bonduelle surgelati richiamati, come misura precauzionale, nei giorni scorsi sono negativi: non rivelano la presenza di sostanze anticolinergiche responsabili della sospetta intossicazione da mandragora. Le analisi sono state effettuate in seguito al caso di intossicazione di una famiglia nel Milanese che ha consumato un pasto a base di verdure tra cui Spinaci Millefoglie Bonduelle surgelati, e altre verdure acquistate presso un mercato rionale.

Siamo molto contenti dell’esito delle analisi per poter rassicurare i nostri consumatori e clienti. La loro sicurezza è per noi una priorità assoluta e la garantiamo continuamente grazie a controlli effettuati su tutta la filiera, a partire dal campo con i nostri agronomi. Confido che i consumatori capiranno che il ritiro dei nostri prodotti è stato solo un atto di responsabilità e prevenzione.” commenta Gianfranco D’Amico, Amministratore Delegato Bonduelle Italia.”

A seguito dell’esito delle analisi effettuate il RICHIAMO è stato REVOCATO!!!

Gli Spinaci Millefoglie Bonduelle surgelati  possono quindi essere consumate tranquillamente!

Continua a Leggere

ATTENZIONE RICHIAMO REVOCATO – Bonduelle richiama 4 lotti di Spinaci Millefoglie surgelati per sospetta presenza di Mandragora (erba velenosa). Coinvolti i supermercati Esselunga, Simply e Auchan!

Bonduelle-spinaci-mandragora-richiamo

 Info specifiche su prodotto
Data richiamo: 03/10/2017
Denominazione di vendita: Spinaci Millefoglie surgelati
Marchio del prodotto: Bonduelle
Lotto interessato:  15986504 / 15986506 / 15995174/1600852
Termine minimo di conservazione (TMC): 08/2019
Peso / volume unità di vendita: 750 g
Operatore del Settore Alimentare (OSA) a nome del quale il prodotto è commercializzato: Bonduelle Italia srl
Nome del produttore: Gelagri Iberica SL
Sede dello stabilimento: Carretera Valtierra-San Adriàn Km 10300-31320 Milagro (Navarra), SPAIN
Motivo del Richiamo: Sospetta presenza di foglie di MANDRAGORA
Popolazione interessata: tutti gli acquirenti
 Gestione prodotto da parte del consumatore

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, si raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto con medesimo lotto di appartenenza, di NON consumarlo e di riconsegnarlo al punto vendita di acquisto 

 
La società in un comunicato diffuso oggi (04/10/2017) riporta quanto segue:

Ad oggi  sono in corso accertamenti da parte delle autorità su tutte le verdure consumate per cui non esiste nessuna informazione che permette di attribuire la presenza di foglie di mandragora nei prodotti Bonduelle. Alla luce di questa situazione, in via precauzionale, Bonduelle ha adottato le misure di sicurezza previste, bloccando la distribuzione, attivando le procedure di richiamo dei prodotti dal mercato e invitando le persone in possesso di una confezione del prodotto menzionato a non consumarlo.

Per ogni informazione, è attivo il numero verde 800903160 (dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30) e la e-mail: servizio.consumatori@bonduelle.com


Per visualizzare l’avviso di richiamo ufficiale pubblicato sul sito del Esselunga clicca qui

Per visualizzare l’avviso di richiamo ufficiale pubblicato sul sito di Simply e Auchan clicca qui

Per visualizzare l’avviso di richiamo ufficiale pubblicato sul sito del Ministero della Salute clicca qui

Continua a Leggere