Odore sgradevole: richiamati a scopo precauzionale due lotti di Acqua minerale San Benedetto da 2 litri

acqua-naturale-san-benedetto-richiamo

Data richiamo: 28/06/2018
Denominazione di vendita:  Acqua minerale San Benedetto 
Lotti coinvolti: A8141R (TMC – termini mino di conservazione: 20/11/2019) e  A8143T (TMC 22/11/2019)

Fornitore: Acqua Minerale San Benedetto Spa
Codice Sogegross: 1126.01
EAN: 80007920
Peso  unità di vendita: bottiglie di PET da 2 litri
Motivo del Richiamo: Odore non caratteristico “sgradevole”
Popolazione interessata: Tutti gli acquirenti


Il richiamo è stato diffuso dalla catena di distribuzione all’ingrosso Sogegross, la quale  precisa che l’acqua richiamata è stata venduta presso i Cash di Casale Monferrato e Lusignano d’Albenga tra il 21/05/2018 e il 27/06/2018

Si precisa che l’Acqua San Benedetto è sicura, il ritiro è stato solo precauzionale e non c’è nessun problema per la salute.  Il fenomeno è di origine naturale ed è stato eliminato.

 Gestione prodotto da parte del consumatore

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, si raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto  medesimi lotti di appartenenza, di restituire le bottiglie per la sostituzione ai punti vendita d’acquisto presentando la fattura!


Di seguito si riporta una nota con alcune importanti precisazioni e approfondimenti da parte del Gruppo San Benedetto:

“L’ACQUA SAN BENEDETTO E’ SICURA. NON CI SONO RISCHI PER LA SALUTE.”

“Scorzè (Ve) 28 Giugno 2018 – Il Gruppo San Benedetto S.p.A., in merito alle segnalazioni ricevute dai consumatori sul problema di cattivo odore riscontrato in alcune bottiglie di Acqua Minerale San Benedetto Fonte Benedicta prodotta a Scorzè (Ve), precisa che :

Tutte le sue fonti

o Sono in regola con la legislazione vigente;

o Sono oggetto di controlli continuativi, giornalieri, effettuati secondo rigidi protocolli interni che confermano la purezza delle acque e l’idoneità al consumo;

o Gli esiti delle analisi che quotidianamente vengono compiute, dalle fonti al prodotto finito, escludono la presenza di contaminanti di qualsiasi genere all’interno dei cicli produttivi di tutti gli stabilimenti San Benedetto.

• In rarissimi casi e solo su alcune bottiglie, si sono riscontrati episodi di “alterazione di odore”;

• Al fine di evitare disagi ai consumatori, ha quindi spontaneamente deciso di ritirare dal mercato i lotti coinvolti;

• Il fenomeno è di origine naturale, non è dannoso per la salute ed è stato eliminato.

Per qualsiasi informazione o approfondimento, i consumatori possono contattare il servizio clienti al numero 800.544.555. Il servizio è attivo fino alle ore 19.”


Per visualizzare l’avviso di richiamo pubblicato sul sito di Sogegross  clicca qui

 Per visualizzare l’articolo pubblicato sul sito dello Sportello dei Diritti clicca qui


Continue Reading

San Benedetto richiama Acqua minerale Fonte Primavera: CONTAMINAZIONE consistente da IDROCARBURI!

acqua-san-benedetto-fonte-primavera-richiamo

Data richiamo: 11/06/2018
Denominazione di vendita:  Acqua minerale San Benedetto (Fonte Primavera)
Lotto coinvolto: 23LB8137E

Imbottigliato da: Gran Guizza S.p.a.
Sede dello stabilimento: Via Statale, 17 – Popoli (PE)
Marchio di identificazione: 033PE1045
Peso  unità di vendita: bottiglie in PET da 0,5 L
Scadenza: 16/11/2019
Motivo del Richiamo: Presenza consistente di CONTAMINANTI IDROCARBURICI: prevalenza di XILENE, TRIMETILBENZENE, TOLUENE ed ETILBENZENE. 
Popolazione interessata: Tutti gli acquirenti

 Gestione prodotto da parte del consumatore

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, si raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto  medesimo lotto di appartenenza, di NON consumarlo ASSOLUTAMENTE!

Si sottolinea che lo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) classifica l’etilbenzene nel gruppo 2B, ovvero tra le sostanze “possibilmente cancerogene per l’uomo

 

 Contatti per ulteriori informazioni

Per visualizzare l’avviso di richiamo pubblicato sul sito del Ministero della Salute  clicca qui

 Per visualizzare l’articolo pubblicato sul sito dello Sportello dei Diritti clicca qui


 

Continue Reading