Allerta Uova al Fipronil – Ministero della salute richiama alcuni lotti provenienti dall’allevamento Società Agricola Fattorie Valle del Misa di Ostra Vetere (AN)

UOVA-FIPRONIL-RICHIAMO

 Info specifiche su prodotto
Data richiamo: 30/08/2017
Denominazione di vendita: Uova
Lotti interessati: 31-32-33 e 34 2017
Produttore: Società Agricola Fattorie Valle del Misa Ostra Vetere (AN) – codice allevamento 3IT036AN089
Codice identificativo dell’ allevamento (indicato sulle uova) :   3IT036AN089
Motivo del Richiamo: A seguito di un campione in un campione di dette uova  è stato  riscontrato un valore di FIPRONIL pari a 0.98 mg/kg, superiore pertanto al limite di tossicità acuta di 0,72 mg/kg
Popolazione interessata: tutti gli acquirenti
 Gestione prodotto da parte del consumatore
A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori si raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto con medesimi lotti di appartenenza, di non consumarlo e di riportalo al punto vendita

Di seguito è riportato il comunicato stampa n°87 “Uova al Fipronil, procedure di richiamo per alcuni lotti” effettuato in data 30/08/2017 dal Ministero della Salute: 

“In data odierna i Servizi Veterinari dell’Area Vasta 2 – Asur Marche hanno comunicato al Ministero della salute di aver imposto l’attivazione delle procedure di richiamo di uova di varie categorie provenienti dall’allevamento Società Agricola Fattorie Valle del Misa di Ostra Vetere (AN), identificati con i lotti 31-32-33-e 34 2017, codice allevamento (indicato sulle uova) 3IT036AN089, in quanto in un campione di dette uova si è riscontrato un valore di fipronil pari a 0.98 mg/kg, superiore pertanto al limite di tossicità acuta di 0,72 mg/kg.

Ove uova provenienti da tali lotti siano in possesso di cittadini, si invitano gli stessi a non consumarli e riportarli al punto vendita.

Si segnala in proposito l’opinione dell’Istituto tedesco di valutazione BfR No. 016/2017, del 30 Luglio 2017, che prende in considerazione un potenziale consumo di uova contaminate da 1,2 mg fipronil/kg (contaminazione quindi maggiore di quanto rilevato nei lotti di cui si sta effettuando il richiamo).

Il BfR identifica nella sua valutazione una categoria di consumatori a potenziale rischio per superamento della dose acuta di riferimento solo negli infanti di peso corporeo medio 8.7 kg, con un consumo di circa 2 uova/die, quadro che -come sottolinea l’Istituto superiore di sanità in un proprio parere del 18/8 scorso – “mal rappresenta, per larghissimo eccesso, i reali consumi della popolazione italiana soprattutto in riferimento ai bambini.” “


Per visualizzare il comunicato ufficiale pubblicato sul sito del Ministero della Salute clicca qui

 

Condividi su

Visualizza le allerte precedenti